ristrutturazione di un bene confiscato alla mafia

Un progetto di riqualificazione dal forte significato simbolico, un edificio confiscato alla mafia si trasforma in un centro per la formazione e l'accoglienza dei giovani. Una cascina immersa nel verde della pianura pinerolese diventa un punto d'incontro della cittadinanza con la natura, un laboratorio didattico e un’economia virtuosa in assoluto contrasto con l'utilizzo precedente. Le ampie vetrate del prospetto sud si aprono sul giardino coltivato e garantiscono un forte collegamento visivo tra gli utenti e la natura del luogo, durante tutte le stagioni e le diverse attività  svolte. il bilancio energetico dell'intervento e' studiato in modo da sfruttare al massimo le fonti naturali e minimizzare gli sprechi.

Località

Volvera (TO)

Clienti

ACMOS e LIBERA

Superficie

864 mq

Cronologia

progetto 2005